Soldatini plastica e metallo


ITALERI WWII AMERICAN INFANTRY – FANTERIA AMERICANA – 6046 SCALA 1:72

ITALERI

ITALERI WWII AMERICAN INFANTRY – FANTERIA AMERICANA – 6046 SCALA 1:72

La 1° Infantry Division , più nota con il nome di “the big red one”, rappresenta il prototipo delle truppe di fanteria dell’esercito americano durante la seconda Guerra Mondiale. Prese parte all’Operazione Torch nel novembre del 1942, allo sbarco in Sicilia, allo sbarco in Normandia il 6 giugno del 1944 , alla battaglia delle Ardenne e all’avanzata finale nel territorio tedesco nel 1945. I figurini del kit sono rappresentati con il tipico equipaggiamento individuale dei fanti americani: il fucile M1 Garand, il fucile automatico B.A.R., la pistola mitragliatrice M3 “Grease Gun” ed il famosissimo Bazooka.
MARS 72003 MODERN U.S. SOLDIERS SCALA 1:72

MARS

MARS 72003 MODERN U.S. SOLDIERS SCALA 1:72

MARS 72003 MODERN U.S. SOLDIERS SCALA 1:72. Forze armate degli Stati Uniti ) sono attualmente le truppe più potenti e forti del mondo, con uno staff attivo di circa 1,36 milioni di persone e un budget di 686 miliardi di dollari nel 2018. Una delle loro componenti più importanti è l'esercito di terra, ovvero l'esercito degli Stati Uniti, in cui hanno prestato servizio nel 2017 476.000 soldati in linea. Il tipo più numeroso di esercito nelle forze di terra è, ovviamente, la fanteria, principalmente motorizzata e meccanizzata. Teoricamente è assegnato a divisioni, ma in pratica opera molto spesso all'interno del Brigade Combat Team. Le unità di fanteria sono suddivise nella classica Fanteria Brigade Combat Team, composta, tra l'altro, da tre battaglioni di fanteria e unità di supporto. Nel 2014 era composto da circa 4.400 persone e una brigata di fanteria su veicoli Stryker (Stryker Brigade Combat Team) basata su tre battaglioni di fanteria motorizzata e unità di supporto. Nel 2014 contava circa 4.500 soldati e 307 veicoli Styker in varie versioni. La fanteria americana serve anche in Armored Brigade Combat Team, in compagnie e battaglioni di fanteria meccanizzata. Le principali armi da tiro del fante americano sono i fucili M16 e M4 da 5,56 mm. Come fatto interessante, si può dire che l'esercito americano privato (Private E1) guadagna circa $ 20.200 all'anno, mentre il sergente (Sergente E5) con 2 anni di esperienza - circa $ 28.700. Questi sono stipendi di base, senza indennità o bonus.
S.L.C. Maiale with crew  Italeri 5621 SCALA 1:35

ITALERI

S.L.C. Maiale with crew Italeri 5621 SCALA 1:35

S.L.C. Maiale with crew Descrizione FOTOINCISO - 2 NUOVE FIGURE - FOGLIO ISTRUZIONI A COLORI MINE NON INCLUSE Sulla base delle esperienze ed i successi della Regia Marina Italiana nella Prima Guerra Mondiale, nel 1935 Teseo Tesei ed Elios Toschi idearono e perfezionarono progressivamente il Siluro a Lenta Corsa (S.L.C.) che sarà più noto come “Maiale”. Il siluro modificato per permettere di essere guidato in immersione da due operatori muniti di respiratori aveva lo scopo di trasportare sotto la chiglia della nave ormeggiata una testata esplosiva ad elevato potenziale. I siluri avevano una velocità limitata ed erano dotati di un sistema di guida. Le batteria che alimentavano il motore elettrico garantiva un’autonomia di 12-15 miglia. La più nota impresa degli incursori della Regia Marina avvenne il 19 dicembre del 1941. Trasportati dal sommergibile “Scirè”, gli S.L.C. affondarono nel porto di Alessandria d’Egitto le navi da battaglia H.M.S. Valiant e H.M.S. Queen Elisabeth della Royal Navy Britannica. la scatola contiene il maiale con le fotoincisioni e due figurini da assemblare Italeri scala1:35
ITALERI GAUL WARRIORS 1ST-2ND CENTURY B.C.- 6022 SCALA 1:72

ITALERI

ITALERI GAUL WARRIORS 1ST-2ND CENTURY B.C.- 6022 SCALA 1:72

Per i romani i Galli erano le tribù di origine celtica, spesso in conflitto tra loro, che abitavano le regioni corrispondenti agli attuali territori di Francia, Svizzera, Belgio e Olanda. Le tribù galliche trovarono momenti di unità politica solo sotto la pressione della minaccia romana durante la campagna militare di Guilio Cesare. I Galli riconobbero nella figura di Vercingetorige il loro leader politico e militare. Fu sconfitto da Cesare ad Alesia nel 52 a.C. I guerrieri galli si caratterizzavano dalle lunghe spade, dalle decorazioni degli scudi e dal fatto che molti di loro combattessero nudi.

NAVI IN LEGNO


Cannoniera Olandese N2 Mantua Model: kit di montaggio in legno art 797 scala 1:43 L.760mm

MANTUA MODEL

Cannoniera Olandese N2 Mantua Model: kit di montaggio in legno art 797 scala 1:43 L.760mm

Cannoniera Olandese Mantua Model kit di montaggio in legno art 797 rappresenta una celebre cannoniera della Marina Olandese che prese parte al bombardamento di Anversa contro gli insorti belgi.Poichè il Capitano G.Van Speyk non volle arrendersi, fece esplodere la sua nave con tutto l'equipaggio il 5 febbraio 1831. Dopo quel evento alcune navi similari furono poste a guardia del fiume Shelda dalla Reale Marina Belga. La scatola di montaggio contiene: fasciame e tondini in legno, accessori in legno e ottone. Tutte le parti in legno tagliate a laser, accessori e minuterie di ottima qualità mentre i piani di costruzione sono dettagliati in multilingue con diverse illustrazioni.
AMATI HUNTER Q-SHIP – MODELLO IN LEGNO – 1450 SCALA 1:60

AMATI

AMATI HUNTER Q-SHIP – MODELLO IN LEGNO – 1450 SCALA 1:60

HUNTER Q-SHIP Amati: kit di montaggio in legno AM 1450, modellino navale in scala 1:60 varata agli inizi del 1900 come nave da carico ed utilizzata come nave da carbone durante i periodi di pace. In dotazione della Marina Mercantile Inglese acquistata dalla Royal Navy per via della robustezza e delle ottime qualità nautiche adatte a navigare i mari del Nord Il nome Q-ship deriva dal cantiere Queenstown dove venne modificata durante il periodo bellico con l’aggiunta di armi, la sua conformazione strutturale rese possible il mascheramento delle armi in dotazione inoltre le pareti della falsa cassa come quelle della falsa cabina potevano essere smontate e poste nella stiva attraverso il boccaporto. Nella scatola di montaggio sono presenti tutti gli accessori ben rifiniti, il legname è di qualità mentre i piani di costruzione sono dettagliati e in multilingua con molte tavole illustrate. E’ sicuramente un modello navale ben curato di media difficoltà per il modellista appassionato di questo tipo di imbarcazione.

Accessori e materiale per modellismo


Kit aerei in plastica varie scale


ARMA HOBBY F-6C MUSTANG – MODELLO IN PLASTICA DA COSTRUIRE – 70040- SCALA 1:72

ARMA HOBBY

ARMA HOBBY F-6C MUSTANG – MODELLO IN PLASTICA DA COSTRUIRE – 70040- SCALA 1:72

Il North American P-51 Mustang è un aereo da combattimento e d'attacco americano, monomotore, a lungo raggio con una coda classica e una costruzione interamente in metallo. Il volo del prototipo ebbe luogo il 26 ottobre 1940. Il P-51 Mustang si è guadagnato la reputazione di uno dei migliori, se non il migliore, caccia della Seconda Guerra Mondiale. La sostituzione del motore Allison V-1710-39 del primo progetto con un motore Rolls-Royce Merlin (versione P-51 Mustang Mk.Ia) ha fatto sì che la Mustang, come mai prima d'ora, raggiungesse la perfezione. Il caccia monoposto ha impressionato per la sua massima velocità, portata, manovrabilità e potenti armi. La combinazione di tutti i parametri più importanti per la valutazione del velivolo ha fatto sì che il Mustang si dimostrasse praticamente in ogni ruolo affidatogli: ha guadagnato la superiorità aerea, scortato, svolto missioni di ricognizione, attaccato bersagli a terra. La classe del design è testimoniata dal fatto che la Mustang è rimasta in servizio attivo fino agli anni '70! Una delle versioni più importanti era il P-51D, basato sul P-51B. Ha ricevuto una carenatura della cabina antigoccia, che garantisce un'eccellente visibilità, e un nuovo motore, il Packard V-1650-7, che ha notevolmente migliorato le prestazioni. Dati tecnici (versione P-51D): lunghezza: 9,83 m, apertura alare: 11,28 m, altezza: 4,08 m, velocità massima: 703 km / h, velocità di salita: 16,3 m / s, portata massima: 2755 km, soffitto pratico: 12800 m, armamento: fisso - 6 mitragliatrici M2 da 12,7 mm, sospese - fino a 908 kg di bombe o 10 lanciarazzi HVAR da 127 mm.
EDUARD SPARVIERO SM79 – EDUARD HEAVY RETRO – 11179 SCALA 1:48

EDUARD

EDUARD SPARVIERO SM79 – EDUARD HEAVY RETRO – 11179 SCALA 1:48

MM23838, Capt. Carlo E. Buscaglia, 281a Squadriglia, 132o Gruppo AS, Gadurra, Rhodes, summer 1941 52a Squadriglia, 27o Gruppo BT, 8o Stormo BV, Son San Juan, Baleares, March 1938 MM 22278 or 22279, Ten. Col. Mario Giuliano, 193a Squadriglia, 87o Gruppo BT, 30o Stormo, Sciacca, Sicily, December 1940 MM 22593, 252a Squadriglia, 104o Gruppo BT, 46o Stormo, Skadar, Albania, end of 1940 253a Squadriglia, 104o Gruppo BT, 46o Stormo, Gadurra, Rhodes, August 1942 256a Squadriglia, 109o Gruppo BT, 36o Stormo, Castelvetrano, Sicily, June 1940 Il Savoia-Marchetti SM.79 Sparviero è un bombardiere e siluro trimotore italiano, con un design misto ad ala bassa della seconda guerra mondiale. Il volo del prototipo ebbe luogo nell'ottobre 1934 e l'entrata in servizio avvenne nel 1936. Nel corso della produzione furono realizzate tre versioni principali del velivolo. Il primo è il modello SM.79 I, un classico bombardiere motorizzato Alfa Romeo 125 RC.34. Il secondo è l'SM.79-II, che svolge i compiti di un aerosilurante, con nuovi motori - Alfa Romeo 126. La terza versione con l'SM.79 C, un classico aereo da trasporto. Inoltre è stata realizzata anche una versione bimotore, destinata all'esportazione in Brasile, Iraq e Romania. Il Savoia-Marchetti SM.79 fu utilizzato per la prima volta in combattimento durante la guerra civile spagnola, dove segnò molto bene con perdite minime. Nel 1939-1943 aerei di questo tipo combatterono nel Mediterraneo, attaccando i convogli alleati in partenza da e verso Malta, combattendo in Nord Africa e combattendo le unità di superficie. Nel periodo 1943-1945 gli aerei furono utilizzati dalla Repubblica Sociale Italiana. Dopo la guerra, la produzione continuò come velivolo civile. Dati tecnici (versione SM.79 III): lunghezza: 16,2 m, apertura alare: 20,2 m, altezza: 4,1 m, velocità massima: 460 km/h, velocità di salita: 5,3 m/s, soffitto pratico: 7500 m, portata massima: 2600 km, armamento: fisso - 2 mitragliatrici da 7,7 mm, 1 mitragliatrice Breda-SAFAT da 12,7 mm e 1 cannone da 20 mm, sospeso - fino a 1200 kg di bombe o 2 siluri da 450 mm.
SPECIAL HOBBY IMAM (ROMEO) RO-37 “A.30 ENGINE” – SH48183 SCALA 1:48

SPECIAL HOBBY

SPECIAL HOBBY IMAM (ROMEO) RO-37 “A.30 ENGINE” – SH48183 SCALA 1:48

Scala : 1/48 La scala 1/48 è la scala principale per i modellini di aerei. Alcuni modellini militari sono ugualmente disponibili in questa scala. Un modellino in scala 1/48 è 48 volte più piccolo dell'oggetto reale. Per esempio, un modellino di aereo in scala 1/48 misurerà 31,25 cm di lunghezza se l'oggetto reale misura 15 m (1500 cm). Tipo di prodotto : Modellini di aerei Per costruire un modellino di aereo in plastica, avrai bisogno di un po' di materiale: - un cutter o una pinza tagliente - della colla per modellismo.

KIT NAVI PLASTICA


TRUMPETER USSR MINSK AIRCRAFT CARRIER - MODELLO IN PLASTICA DA COSTRUIRE 05703 SCALA 1:700

TRUMPETER

TRUMPETER USSR MINSK AIRCRAFT CARRIER - MODELLO IN PLASTICA DA COSTRUIRE 05703 SCALA 1:700

Minsk era una portaerei leggera sovietica con propulsione classica. La chiglia fu posata sotto questa nave nel 1972, il varo avvenne nel settembre 1975 e l'entrata in servizio avvenne nel 1978. La lunghezza totale della nave era di 273 metri, la larghezza fuori tutto era di 32,7 metri e il suo dislocamento totale era di circa 38.000 tonnellate. La velocità massima era fino a 32 nodi. L'armamento di bordo includeva: 4 lanciarazzi gemelli SS-N-12, due lanciarazzi gemelli SA-N-3, due cannoni gemelli da 76,2 mm e otto set AK-630 da 30 mm. La portaerei potrebbe imbarcare fino a 28 aeromobili, inclusi, ad esempio, elicotteri Ka-25 o Ka-27 o aerei Jak-38. Minsk era la seconda più grande portaerei di classe Kijew (Kiev, progetto 1143). Questo tipo di unità è stato costruito sulla base dell'esperienza acquisita dall'operazione di incrociatori aerei di classe Mosca. Analogamente a loro, hanno un potente armamento di bordo, corrispondente a più di un cacciatorpediniere dell'epoca, ma hanno anche un ponte aereo molto più ampio che consente il funzionamento degli aerei Yak-38. Il compito principale delle navi di tipo Kijew era combattere i sottomarini (ZOP), in particolare le unità SSBN americane armate con missili Polaris. In tempo di pace, svolgevano principalmente un ruolo di propaganda e dovevano rappresentare la potenza navale dell'Unione Sovietica. Una delle navi di questa classe, cioè Minsk, fu costruita sul Mar Nero a Nikolaev. Poco dopo essere entrata in servizio, Minsk fu assegnata alla flotta del Mar Nero, ma nel 1979 fu trasferita alla flotta del Pacifico. Negli anni 1981-1982, dopo una serie di incidenti Yak-38, l'architettura del ponte di lancio della portaerei è stata modificata. Negli anni 1982-1983 l'unità ha operato nel bacino dell'Oceano Indiano e nel 1986 ha rappresentato la bandiera sovietica nella RPDC durante una visita di cortesia. All'inizio degli anni '90 era prevista un'importante revisione di Minsk, ma l'unità è stata finalmente dismessa nel 1993. La nave disarmata è stata acquistata da una delle compagnie cinesi, rimorchiata nella RPC e trasformata in nave museo e centro di intrattenimento, ruolo che svolge dal 2000.
Academy 14103 ADMIRAL GRAF SPEE 1:350

ACADEMY

Academy 14103 ADMIRAL GRAF SPEE 1:350

Academy 14103 ADMIRAL GRAF SPEE 1:350 La Admiral Graf Spee fu un incrociatore pesante della classe Deutschland che servì nella Kriegsmarine tedesca durante la seconda guerra mondiale. I tedeschi classificarono inizialmente le navi di questa classe come corazzate (Panzerschiff in tedesco), per poi riclassificarle come incrociatori pesanti (Schwere Kreuzer) nel 1940; i britannici, invece, le classificarono come corazzate tascabili (Pocket Battleship in inglese), appellativo che poi è rimasto come caratteristico delle navi di questa classe. L'Admiral Graf Spee è passata alla storia per aver sostenuto la prima battaglia navale tra la Kriegsmarine e la Royal Navy durante la seconda guerra mondiale conosciuta come battaglia del Río de la Plata, presso Montevideo, conclusasi con l'autoaffondamento della corazzata.
Italeri 5623 M.T.M. Barchino with crew SCALA 1:35

ITALERI

Italeri 5623 M.T.M. Barchino with crew SCALA 1:35

Italeri 5623 M.T.M. Barchino with crew SCALA 1:35. La Regia Marina Italiana, forte dei successi ottenuti durante la prima Guerra mondiale, sviluppò diversi mezzi d’assalto subacquei e di superficie. Il Motoscafo da Turismo Modificato (M.T.M.) venne progettato per garantire un avvicinamento all’obiettivo da colpire rapido e non facilmente individuabile dalle forze nemiche. Completato l’avvicinamento e giunto in prossimità del bersaglio, il pilota bloccava il timone per tenere la rotta e lanciava il barchino a forte velocità contro di esso. Il pilota, posizionato a poppa, si espelleva dal barchino ad una distanza di sicurezza, prima della collisione. La carica esplosiva ad alto potenziale posizionata a prora del Barchino detonava al momento dell’impatto contro il bersaglio. Possiamo ricordare l’affondamento, da parte del gruppo d’assalto comandato da Luigi Faggioni, dell’incrociatore pesante della Royal Navy Britannica HMS York a Suda nel marzo del 1941, come l’azione di maggiore successo della Regia Marina Italiana nell’impiego del “Barchino”.

KIT SPAZIO - TELEFILM


Revell 06054 X-Wing Fighter + TIE Fighter Collector Set Level 3

REVELL

Revell 06054 X-Wing Fighter + TIE Fighter Collector Set Level 3

Revell 06054 X-Wing Fighter + TIE Fighter Collector Set Level 3. X-Wing Fighter Scala 1/57 + TIE Fighter Scala 1/65. Combattente di TIE (TIE è l'acronimo di Twin Ion Engine) è un caccia spaziale dell'universo di Star Wars che è apparso per la prima volta sullo schermo del cinema nel film "Star Wars" del 1977 (Episodio IV) e successivamente è apparso in molte altre parti della saga spaziale. Si presume che la versione base del caccia TIE fosse lunga circa 6,3 metri, larga circa 6,4 metri e alta circa 7,6 metri. Naturalmente, questi sono solo dati indicativi. L'azionamento era fornito da un doppio motore a ioni Sienar P-s4 e il suo armamento era costituito da due cannoni laser Sienar L-s1. Il TIE Fighter è stato per molte volte il principale caccia dell'Impero Galattico, con Sienar Fleet Systems come il suo principale produttore. Al momento dell'entrata in servizio, macchine di questo tipo erano caratterizzate da bassi costi di costruzione e da una struttura molto semplice. Ad esempio, non avevano scudi di forza e i loro piloti dovevano portare con sé speciali contenitori di ossigeno. Allo stesso tempo, tuttavia, il TIE Fighter aveva un chiaro vantaggio in termini di manovrabilità e velocità sui caccia nemici, in particolare sull'Y-Wing o Z-95. Tuttavia, non corrispondeva alle prestazioni della macchina popolarmente conosciuta come X-Wing, la macchina Incom T-65. Era anche molto meno durevole, il che ha causato perdite significative tra i piloti che lo pilotavano. L'X-wing (noto anche come Incom T-65) è un caccia spaziale dell'universo di Star Wars, che combatte nei ranghi della Ribellione. È apparso per la prima volta sullo schermo nel film "Star Wars: A New Hope" (parte I o IV della saga). L'armamento standard è composto da quattro cannoni laser sulle estremità delle ali e due lanciasiluri protonici. La lunghezza del veicolo è di 12,5 metri. L'azionamento è fornito da quattro motori a ioni. L'X-Wing ha anche motori di manovra e stabilizzazione. L'X-wing è stato progettato e in gran parte prodotto presso Incom come uno sviluppo di vasta portata dei caccia Z-95. Vale la pena notare che i piloti di questo tipo di caccia potevano quasi sempre contare sull'aiuto dei droidi astromeccanici R2 e R4 nelle missioni di combattimento. Combattenti di questo tipo formarono la spina dorsale delle forze ribelli durante la Battaglia di Yavin (anno O BBY), ed era questo tipo di caccia che fu pilotato da Luke Skywalker durante l'attacco alla Morte Nera durante quella battaglia. Anche i combattenti X-Wing si sono comportati molto bene durante la Battaglia di Endor (Anno 4 ABY).

Macchine radiocomandate elettriche e a scoppio


RADIO KONTROL MONSTER TRUCK BRUSHLESS ELETTRICO – 1150-01 SCALA 1:10

RADIOKONTROL

RADIO KONTROL MONSTER TRUCK BRUSHLESS ELETTRICO – 1150-01 SCALA 1:10

Auto radiocomandata a 4 ruote motrici in scala 1:10 con motore elettrico Brushless e regolatore elettronico con marcia avanti, freno e retromarcia, trasmissione cardanica con albero in alluminio anodizzato, regolazioni del camber e del recupero del camber, regolazione della convergenza e dell'altezza da terra, telaio superiore di rinforzo in alluminio anodizzato, differenziali in acciaio su cuscinetti, semiassi in acciaio, supporto motore in alluminio, possibilita' di cambiare i rapporti, cerchi cromati bicolore, dissipatore di calore ad alette in alluminio anodizzato, 8 ammortizzatori idraulici in alluminio, doppio paraurti anteriore e posteriore ad assorbimento d'urto. Velocita' stimata oltre 80 km all'ora!
Vernice Spray Tamiya PS-17 Metallic Green per Policarbonato

TAMIYA

Vernice Spray Tamiya PS-17 Metallic Green per Policarbonato

Vernice Spray Tamiya PS-17 Metallic Green per Policarbonato, ideale per pitturare le carrozzerie delle auto radiocomandate,Recipiente sotto pressione, proteggere dai raggi solari e non esporre a unba temperatura superiore ai 40 gradi c. Non perforare ne bruciare neppure dopo l'uso, Non vaporizzare su una fiamma o su un corpo incandescente. Tenere il prodotto lontano dai bambini, contenuto del gas:DME 70%-lpg 30%contenuto 100 ml 141 g.
XRA360500 XRAY XB4 2WD 1/10 Electric Off-Road

XRAY

XRA360500 XRAY XB4 2WD 1/10 Electric Off-Road

Classe: 1/10 fuoristrada elettrico 2WD Larghezza: regolabile 245-250 mm Lunghezza: 352 mm Interasse: regolabile 284-290 mm Peso: 800 g Peso pronto all'uso: 1615 g Telaio Telaio: Swiss 7075 T6 lavorato a CNC alluminio Vassoio del telaio: Composito 1 pezzo Piano superiore anteriore: Grafite di carbonio laminata lavorata da 2,0 mm Sospensione Sospensione: Sospensione regolabile tramite il sistema di sospensione integrato I.S.S. Sospensione posteriore: braccio inferiore con camber link superiore regolabile Sospensione anteriore: braccio inferiore con camber link superiore regolabile e con blocchi della ruota orientabile di 6° Montante posteriore: convergenza 0° in composito con montaggio a doppio braccio e 3 posizioni centrali di rollio Ammortizzatori: senza membrana Big Bore ammortizzatori con pistoni in Delrin Torri dell'ammortizzatore: grafite di carbonio laminata lavorata da 3,0 mm (anteriore + posteriore) con montaggio multiplo dell'ammortizzatore e posizioni centrali del camber link Tipo di trasmissione: 2WD Primaria: pignone / sperone Alberi di trasmissione: alberi di trasmissione HUDY Spring Steel™ CVD Alberi centrali : Alberi di connessione diretta HUDY Spring Steel ™ Differenziali: Differenziale a ingranaggi sigillato, 6 marce, frizione antisaltellamento riempita di silicone: Cuscinetti regolabili: Cuscinetti ad alta velocità sigillati in gomma Ingranaggi Rapporto primario: 1: 2,5 Pignone differenziale: 14T anteriore / posteriore Corona differenziale differenziale : 35T anteriore / posteriore Ingranaggio cilindrico: 81T (opzione 84T) Pignone motore: Non incluso Geometria Camber: Anteriore + posteriore regolabile Caster anteriore: 6° statico + 23° ~ 27° caster nel telaio = 29° ~ 33° raggio d'azione totale Convergenza: regolabile anteriore + posteriore Downstops: regolabile anteriore + posteriore Kick-up anteriore: regolabile 23° ~ 27° Anti-squat posteriore: regolabile 1° ~ 5° Barre antirollio: 1,2 mm anteriore/posteriore Ackermann : Regolabile Bump steer: Regolabile Sterzo: Doppio sistema di sterzo posizionato centralmente Carrozzeria, pneumatici, ruote e varie Carrozzeria: carrozzeria XRAY XB4 DMX Pneumatici: non inclusi Ruote: mozzo esagonale ruota XRAY Aerodisk 14mm Possibilità di regolazione Regolazione standard: camber, convergenza, caster, carreggiata, interasse, kick-up, anti-squat, roll center, Ackermann, bump steer Altre istruzioni: manuale a colori con grafica 3D (40 pagine) Manuale di installazione: non incluso. Il libro di allestimento fuoristrada HUDY a 2 colori (40 pagine) può essere scaricato nella "Sezione download" e mostra 1/8 modelli fuoristrada nelle fotografie contenute al suo interno. Tuttavia, la metodologia e la teoria dell'assetto sono le stesse per tutte le moderne auto fuoristrada in scala 1/10. Imballaggio: scatola di cartone con buste in vinile con parti Inoltre inclusi: grasso di grafite HUDY, oli siliconici, certificato di autenticazione, foglio di installazione, elenco delle parti e vista esplosa, decalcomanie Articoli non inclusi Sistema radio (trasmettitore e ricevitore), servosterzo, motore, pignone, pacchi batteria LiPo, regolatore di velocità, caricabatterie, pneumatici, inserti, nastro biadesivo, colla CA, olio per cuscinetti, frenafiletti di grado medio (blu), strumento universale per tutti i dadi e tenditori e altri strumenti
PS-59 SPRAY TAMIYA POLYCARBONATE DARK METALLIC BLUE

TAMIYA

PS-59 SPRAY TAMIYA POLYCARBONATE DARK METALLIC BLUE

PS-59 SPRAY TAMIYA POLYCARBONATE DARK METALLIC BLUE, ideale per pitturare le carrozzerie delle auto radiocomandate, ML100 Recipiente sotto pressione, proteggere dai raggi solari e non esporre a unba temperatura superiore ai 40 gradi c. Non perforare ne bruciare neppure dopo l'uso, Non vaporizzare su una fiamma o su un corpo incandescente. Tenere il prodotto lontano dai bambini, contenuto del gas:DME 70%-lpg 30%contenuto 100 ml 141 g.
TAMIYA 58606 TT02 ALFA ROMEO 155 V6 TI Martini SCALA 1/10

TAMIYA

TAMIYA 58606 TT02 ALFA ROMEO 155 V6 TI Martini SCALA 1/10

TAMIYA 58606 TT02 ALFA ROMEO 155 V6 TI Martini SCALA 1/10. Questo kit di montaggio del modello R/C ricrea la filante Alfa Romeo 155 V6 TI sponsorizzata da Martini, che presentava un motore V6 da 2,5 litri da oltre 450 CV montato nella parte anteriore e abbinato a un cambio semiautomatico a 6 marce. Un sapore hi-tech è stato aggiunto da differenziali anteriori, centrali e posteriori a controllo elettronico, controllo di trazione e ABS. Rimase in lizza per il prestigioso titolo internazionale di auto da turismo del 1996 fino alla gara finale. Il modello cattura abilmente la forma dell'auto, con il grande spoiler del paraurti anteriore e i parafanghi anteriori/posteriori sporgenti. Gli adesivi sono inclusi nel kit per ricreare l'inconfondibile livrea della vettura. TT-02: 4WD con trasmissione a cardano centrale Il telaio 4WD TT-02 con trasmissione ad albero utilizza un layout longitudinale con la batteria a sinistra e il motore a destra, per dare un'eccellente stabilità. Inoltre, è dotato di bracci di sospensione e montanti sinistro e destro identici per un facile montaggio, oltre a cambi di facile manutenzione. È un telaio altamente adattabile, in quanto offre 2 diversi passi, 2 impostazioni di altezza da terra e 2 impostazioni del battistrada oltre a una gamma di 10 possibili rapporti di trasmissione. Non è nemmeno a corto di aspetto, con mozzi delle ruote a forma di disco del freno ed eleganti supporti per paraurti anteriore. CARATTERISTICHE TECNICHE: • Kit di montaggio del modello R / C in scala 1/10. Lunghezza: 444 mm, larghezza: 185 mm, altezza: 125 mm. Interasse: 257 mm. • Presenta un corpo in policarbonato spesso 1,0 mm. • Le ruote a disco sono stampate in plastica ABS bianca e abbinate a pneumatici battistrada. • Adesivi e adesivi per mascherare la pittura di finestre da utilizzare nel processo di verniciatura inclusi. Il telaio TT-02 è un'unità 4WD azionata da albero altamente versatile, basata su una vasca da bagno durevole. • La sospensione a doppio braccio oscillante indipendente a 4 ruote ha le stesse parti del braccio e del montante per facilitare la manutenzione. • È disponibile un'ampia gamma di parti opzionali Hop-Up per personalizzare il telaio. • Include un motore di tipo 540 spazzolato. • Richiede: radio a 2 canali, ESC, servo per lo sterzo, batteria da 7,2-7,4 volt e caricatore compatibile e vernice in policarbonato Tamiya PS

GUNPLA


KIT MACCHINE


Italeri 4715 Fiat 500 F Upgraded Edition Scala 1/12

ITALERI

Italeri 4715 Fiat 500 F Upgraded Edition Scala 1/12

Italeri 4715 Fiat 500 F Upgraded Edition Scala 1/12. APERTURA PORTIERE E STERZO MIGLIORATI Stampi migliorati - Bagagliaio e cofano apribili - Tettuccio aperto o chiuso - Sportelli apribili - Ruote sterzanti -Sospensioni funzionanti - Pneumatici in gomma - Parti cromate - fotoincisione La “Nuova 500” venne prodotta dalla Fiat dal 1957 al 1975. Vera e propria icona su quattro ruote costituisce uno dei simboli del made in Italy ed il suo design, unico e riconoscibile, è famoso in tutto il mondo. L’obiettivo dell’azienda di Torino era semplice: produrre una vettura utilitaria in grado di aumentare il bacino di clienti che potevano permettersi un’automobile. Non solo. L’auto doveva essere semplice da guidare, anche in città, e dai bassi costi di gestione Nel 1965 venne introdotta la versione F destinata a diventare quella con il maggior numero di unità prodotte. La prima a montare le porte con cerniere anteriori, in linea con la nuova normativa del Codice della Strada, la Fiat 500 F adottò numerose soluzioni tecniche ed estetiche innovative, come il cambio della scocca e il parabrezza più ampio. E’ ancora oggi la più “classica” delle 500 prodotte ed è rimasta nel cuore di molti automobilisti.
FUJIMI SHELBY COBRA 427 S/C RACING VERSION – 1965 USRRC LAGUNA SECA – 126715 SCALA 1:24

FUJIMI

FUJIMI SHELBY COBRA 427 S/C RACING VERSION – 1965 USRRC LAGUNA SECA – 126715 SCALA 1:24

La Shelby Cobra (un'altra designazione: AC Cobra o AC Cobra 427) è un'auto sportiva roadster britannico-americana presentata per la prima volta al pubblico nel 1961. La sua produzione in serie è durata dal 1962 al 1967 e si è svolta in due città: Los Angeles negli Stati Uniti e Thames Ditton in Gran Bretagna. Shelby Cobra, è stata creata come risultato della cooperazione tra la casa automobilistica britannica AC Cars e il costruttore americano Carroll Shelby. Nell'auto venivano utilizzati molti componenti già pronti disponibili sul mercato in quel momento. Prima di tutto, la base per la nuova vettura era la carrozzeria modificata e modernizzata dell'auto AC Ace. Il cuore dell'auto erano i potenti motori Ford con una capacità da 4,3 a 7 litri, mentre il differenziale era preso in prestito dalla Jaguar E-type. Nel 1965 fu messa in produzione una versione modernizzata (denominazione: AC Cobra 427), che utilizzava un motore da 425 CV, ricostruiva la carrozzeria e l'intero sistema di sospensione. Shelby Cobra ha anche gareggiato con successo nelle corse automobilistiche, inclusa la vittoria della gara di Le Mans nella sua classe nel 1964.